Ciao Steve

Scritto da: il 06.10.11
Articolo scritto da . Ignazio Del Campo, laureato Bocconi, Master in Economia e Management delle aziende sanitarie. Lavoro in una azienda ospedaliera siciliana come dirigente amministrativo; mi occupo del sistema di gestione dei flussi documentali, del sistema di contabilità analitica, dei sistemi di programmazione e monitoraggio degli acquisti.

Stanotte è morto Steve Jobs, l’uomo che è stato capace di trasformare le sue visioni nella realtà. Ha cambiato con il suo pensiero il mondo, i consumi e gli stili di vita. Forse non tutti consideriamo indispensabile un iPhone, ma è impossibile ignorare l’evoluzione che è stata impressa negli ultimi dieci anni alla vita delle economie più avanzate dai prodotti della Apple.

Un uomo, un’azienda

Credo che il più difficile momento della storia della Apple sia appena iniziato perchè i mercati hanno sempre considerato la figura di Steve Jobs come il vero capitale dell’azienda. Qualsiasi cosa, cifra, progetto fosse nato dalla sua mente avrebbe trovato fondi, sostenitori e finanziatori pronti a credere che sarebbe stato un successo. Anche i consumatori ed i mercati hanno sempre creduto, a volte per puro senso di fede, nei nuovi prodotti e servizi che la “mela” sfornava. Da un punto di vista degli esperti di marketing il fenomeno Apple sarà studiato e presentato nelle università per anni e sarà presentato come strada da seguire, come esempio di coniugazione perfetta tra strategia, prodotti e strumenti di comunicazione. Quello che, però credo sia vero, è solo che a volte la forza di un singolo, delle sue idee sia veramente capace di cambiare il mondo.

Think different

Se fossi uno dei contabili della Apple oggi mi porrei il problema di svalutare le poste dell’attivo, alla voce immobilizzazioni immateriali. Così per prudenza. Mi rendo conto che sia un paradosso e mi rendo conto che non si può trovare “Steve Jobs” tra le poste del bilancio, ma ritengo importantissimo che Apple già da oggi ricominci proprio dal motto che ha caratterizzato la sua storia. Oggi i mercati ci diranno cosa pensano, domani aspettiamo che Apple ci stupisca di nuovo seguendo la strada segnata dal suo fondatore.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple